ACCADEMIA DEL BLOGGER

Accademia del Blogger è Consulenza e Formazione sul Social Media Management e Comunicazione 2.0.

Social Media Management

Content Management

Creazione siti web Wordpress

Digital Marketing

Formazione Comunicazione

CONTATTI
Contattaci quando vuoi per una consulenza o un preventivo gratuito.

3459732031

emilianoamici@pec.it

info@accademiadelblogger.com

via Alessandra Macinghi Strozzi 40 - 00145 Roma

CF MCAMLN83A15H501D - P.IVA 13858991006

Top

Twitter cambia il conteggio dei 140 caratteri

Twitter cambia il conteggio dei 140 caratteri

Twitter cambia il conteggio dei 140 caratteri

Twitter sta per fare una comunicazione destinata a cambiare la filosofia del social dell’uccellino: i vertici hanno deciso di eliminare dal conteggio dei 140 caratteri i link e le foto. Tante volte ci siamo trovati a inserire il nostro bel tweet, con in link e l’immagine per poi trovarci con una pesante decurtazione dei caratteri utilizzabili per il resto del testo. Stavolta Twetter ha deciso di cambiare il conteggio dei 140 caratteri lasciando inalterato il loro numero anche in presenza di elementi multimediali.

Come cambia Twitter?

Il cambiamento del conteggio dei 140 caratteri va di pari passo con il tanto vituperato cambio di algoritmo che ha fatto, e fa, tanto discutere. In effetti l’ultima modifica è andata decisamente contro la filosofia di Twitter tanto che l’hashtag #twitterrip è stato nel trend hastags per giorni. La modifica del conteggio dei 140 caratteri va incontro decisamente alle nuove generazioni che preferiscono contenuti multimediali con link, foto gif animate e quant’altro ai semplici tweet e che continuano a prediligere Facebook ed Instagram per condividere gli attimi della propria vita.

È fuor di dubbio che il cambiamento del conteggio di 140 caratteri vada proprio nella direzione di rendere il social media molto più appetibile, ma è anche vero che la filosofia di base che è insita nel social, ossia l’aggregazione di notizie, ancora è ben lontana da quel social sharing che è alla base dei principali antagonisti Facebook e Instagram: proprio per questo rimane ancora difficile vedere un diciottenne che twitta attimi della propria vita come fosse un calciatore in compagnia della propria fiamma.

I numeri, anche in questo caso, non ammettono repliche: nel 2015 una ricerca CAWI ha preso in esame 1200 studenti delle scuole medie, superiori e università e i dati usciti non lasciano spazio a dibattiti:

86% usa Whatsapp
74% usa Facebook
57% usa Instagram
31% usa Twitter
14% usa Snapchat (ma tutto fa pensare che il popolare fantasmino possa risalire nei prossimi mesi)

Addirittura il celebre servizio di messaggistica (di proprietà sempre di Mark Zuckeberg) ha soppiantato i gruppi su Facebook come strumento di comunicazione tra i giovanissimi.

Che sia solo un passo verso una vera e propria rivoluzione?

Inserisci il tuo commento

Iscriviti alla Newsletter

Compila i campi qui sotto per rimanere sempre aggiornato sulle iniziative  dell’Accademia Del Blogger!

Per te che ti sei iscritto alla nostra Newsletter, è dedicato uno sconto del 10% su tutti i nostri servizi, compresi le nostre lezioni individuali!